Il mercato dell’adv online europeo cresce del 6,3% nel 2020: ecco i primi dati dell’AdEx Benchmark 2020

Sono disponibili gli Highlight della ricerca AdEx Benchmark 2020 di IAB Europe. Secondo lo studio gli investimenti sull’advertising online nel 2020 hanno rggiunto un valore complessivo di 69 miliardi di euro

adex benchmark 2020


Durante Interact, la conferenza annuale di IAB Europe che si è tenuta la scorsa settimana, sono stati rivelati i primi dati sull’advertising digitale a livello continentale inclusi nell’AdEx Benchmark 2020 disponibile a partire dal prossimo giugno.

Nonostante la pandemia e il conseguente periodo di stallo pubblicitario gli investimenti sono cresciuti del 6,3% rispetto al 2019, e hanno raggiunto un totale di 69 miliardi di euro.

Investimenti

Tra i 28 mercati sotto la lente dell’AdEx Benchmark 2020, 7 hanno registrato una crescita a doppia cifra anno su anno, con la Turchia che ha dimostrato una grande capacità di reazione segnando un +34,8% sull’anno precedente ed entrando nella top 10 europea per volume di investimenti. Solo tre mercati invece hanno subito una riduzione della spesa.

Nonostante le difficoltà nel rispondere alla pandemia e al seguente contraccolpo sull’economia, anche alcune delle country principali – come Italia, Spagna, Francia e UK – sono riuscite a stabilire delle performance positive. Tra i mercati più sviluppati emerge la Germania, con un +10,4% di investimenti sul 2019.

I segmenti a crescita maggiore: social e video

Con l’esplosione dell’ecommerce, delle piccole e medie imprese e con il ritorno delle attività di branding nella seconda metà dell’anno, video e social network hanno registrato una forte crescita. Il social advertising ha assorbito investimenti superiori del 15,9% rispetto all’anno precedente, i formati video invece addirittura del 16.3%. Intanto il display cresce del 9,1% e la search del 7.9%.

“Per il digital advertising il 2020 non è stato un brutto anno, ha accusato solamente un pessimo trimestre. Abbiamo visto una ripresa rapida, già dal terzo trimestre, che poi si è trasformata in una crescita a doppia cifra nel Q4. Il forte affidamento ai canali a performance avvenuto nel pieno del lockdown è stato bilanciato da una rapida redistribuzione delle attività di branding, in particolare legate al digital video. Gli eventi del 2020 hanno accelerato il ritmo delle trasformazioni socio-economiche a lungo termine, cambiando le modalità di consumo e l’operatività delle aziende. Una situazione che offre terreno fertile per il digital advertising e ci fa supporre un’ulteriore accelerazione della crescita del settore nel 2021”, commenta Daniel Knapp, Chief Economist di IAB Europe.

IAB