Scopri come creare una campagna di Influencer Marketing di successo

Ormai l’abbiamo capito (quasi) tutti, la coppia Fedez&Ferragni ha reso il 2017 l’anno della consacrazione dell’Influencer Marketing; eMarketer ha recentemente pubblicato uno studio secondo cui due terzi delle aziende sta utilizzando questo canale per le proprie strategie di marketing. Ogni componente della filiera digitale – che sia un’agenzia, una piattaforma, o un editore – sta…

Ormai l’abbiamo capito (quasi) tutti, la coppia Fedez&Ferragni ha reso il 2017 l’anno della consacrazione dell’Influencer Marketing; eMarketer ha recentemente pubblicato uno studio secondo cui due terzi delle aziende sta utilizzando questo canale per le proprie strategie di marketing.

Ogni componente della filiera digitale – che sia un’agenzia, una piattaforma, o un editore – sta mettendo in contatto il brand con l’influencer e per fare ciò è necessario seguire alcuni step per ottenere una campagna di successo.
Scopriamo insieme come far sì che una campagna di influencer marketing abbia successo.

1 – STABILIRE GLI OBIETTIVI

Per prima cosa è necessario stilare una lista dei propri obiettivi: vuoi Visibilità? Engagement? Conversioni? Sentiment? Come possiamo notare, esistono tanti obiettivi che si vorrebbero raggiungere, diviene quindi essenziale capire quali siano quelli adatti alla nostra campagna.

La visibilità si raggiunge facilmente attraverso una reach elevata e altrettante views; l’Engagement misura il numero di like, condivisioni e commenti; le Conversioni sono solitamente iscrizioni a form, download di app e acquisti online; il Sentimenti riguarda invece la percezione che gli utenti hanno nei confronti del brand.

2 – DEFINIRE L’AUDIENCE

Affinché una campagna abbia successo è importante capire l’audience che segue un determinato influencer: il cliente deve quindi avere ben chiaro  a quale tipo di pubblico vuole rivolgersi perché questo impatterà non poco sulle fasi successive di strategia creativa e scelta dell’influencer.

3 – LA STRATEGIA CREATIVA

Dove c’è una strategia creativa alla base di una campagna, l’engagement rate è mediamente superiore del 25% al valore medio: questo significa che anche per un influencer partecipare a un progetto “creativo” migliora anche la qualità del suo profilo personale.

Il semplice product placement non è più efficace, occorre invece pensare in maniera concreta a quale strategia adottare, a chi rivolgersi e a quali canali utilizzare.

4 – SELEZIONARE GLI INFLUENCER

Per selezionare l’influencer è importante tenere conto di reach, engagement e credibilità: esistono tool di analisi in grado di isolare tali fattori in modo da individuare l’influencer “perfetto”.

5 – MESSA IN OPERA E DISTRIBUZIONE

Una volta stilati gli step della campagna e identificato gli obiettivi, tocca all’infleuncer mettere tutto in pratica: avere a che fare con un influencer non è come programmare una campagna display; occorre soprattutto pianificare un calendario di contenuti prodotti dall’influencer che verrà poi approvato e supervisionato dal Campaign Manager.

6 – MISURARE I RISULTATI

Per evitare di ricevere file in excel o pdf con un report abbastanza scarno di quanto emerso dalla promozione, è fondamentale poter disporre di una tecnologia proprietaria per l’analisi della campagna stessa.

Per poter valutare in maniera significativa se un influencer ha contribuito maggiormente rispetto a un altro o se sono stati raggiunti gli obiettivi desiderati in vista di una campagna futura, è opportuno disporre di tecnologie in grado di fornire risultati in tempo reale: il cliente potrà così seguire l’andamento della campagna (accendendo a reach, views ed engagement sulle diverse piattaforme).
Diviene ancora più importante disporre di queste tecnologie di analisi “in progress” quando il budget stanziato è molto alto: in questo modo si potrà aggiustare il tiro e ottimizzare l’investimento necessario.

IAB